Il trasportino: tana vs prigione?

Il trasportino o kennel che dir si voglia è uno sconosciuto. O quasi. E in fondo anche tu non sei sicuro di sapere di cosa sto parlando e di quanto sia utile in realtà… dico bene?

Se si chiedesse a 10 possessori Jack Russell Terrier cosa è un kennel, scommetto che 9 ti risponderebbero: “un che?” e una volta spiegato che si tratta del trasportino, scuoterebbero la testa dicendo che loro il cane no, loro in gabbia non lo mettono mica. Poverino! Per non parlare poi di quelli che pensano che il kennel sia uguale a una prigione… Se leggerai tutto l’articolo scoprirai delle cose che non sapevi del tuo cane… Scommettiamo?

Il Kennel invece è tutt’altro che uno strumento di tortura, è un oggetto utilissimo per tutta una serie di situazioni:

  • Sicurezza durante i viaggi in auto.
  • Possibilità di usare il Kennel per viaggi in treno, aereo, nave.
  • Utilità nei soggiorni in alberghi dove comunque il cane avrà sempre a sua portata di zampa la sua tana.

Jack Russell_trasportino_kennell

Ti sorprenderai a scoprire che invece il tuo Jack Russell in quanto cane da tana (ma in quanto cane in generale) ha bisogno di una tana dove poter stare tranquillo e tenere a volte il mondo fuori.

Canidi: gruppo biologicamente coeso di animali carnivori diviso in 38 specie; tutti i canidi selvatici sono animali terrestri, corridori veloci e resistenti, prevalentemente notturni, che vivono e allevano la propria prole in tana.

Tutti i cani, in quanto appartenenti al gruppo dei canidi, hanno bisogno di una tana nella quale potersi sentire protetti e sicuri.
Quindi: per i nostri cani, avere una tana sicura è quasi un bisogno primario. E il Kennel ci permette di soddisfarlo anche nell’ambiente domestico e nella vita di tutti i giorni.

Ci sono trasportini e trasportini. La gabbia aperta su tutti i lati non è rassicurante quanto il kennel, perché li costringe a tenere d’occhio l’intero perimetro e non li fa sentire al sicuro. Per questo motivo il kennel chiuso è preferibile ed è usato come supporto per risolvere alcune problematiche comportamentali, come per esempio l’ansia da separazione.

Trasportino morbido_jack russell_viaggio

Partiamo anche da un altro presupposto: in natura la mamma spinge i cuccioli di lupo nella tana naturale, e lo fa anche con una certa decisione perché gli sia ben chiaro il concetto che si deve rimanere in un posto preciso perché le regole della mamma sono queste! Quindi, sì, in natura c’è chi impone ai cuccioli di entrare in tana.

Tutto questo popò di considerazioni non significano certo che bisogna prendere tutti i cani sbatterli dentro il kennel e chiudere la porta, come se niente fosse. Questo assolutamente no, se non si vuole compromettere il rapporto uomo-cane. Ma sarebbe buona regola abituare ogni cane a vivere il kennel come la sua tana e solo in quel momento chiudere la porta.

Di kennel ce ne sono una miriade. Sbizzaritevi come volete nella scelta di forme, materiali e colori, ma l’aspetto che più si deve tenere in considerazione è la misura.
Come scegliere un trasportino della misura giusta? Deve permettere al cane di riposare in tutta comodità, di alzarsi in piedi agevolmente ma non troppo grande da farci freestyle! Non prendetelo né enorme né striminzito.

Come scegliere il trasportino giusto

Ora, come abituiamo il cane a stare nella tana?

  • Si inizia lasciando le porte aperte
  • Possiamo dare da mangiare al cane nel Kennel
  • Giocare con lui e farlo entrare con l’uso di bocconcini, o giochi
  • Mettere dei premietti da rosicchiare
  • Iniziare a chiudere la porta per qualche minuto mentree il cane è calmo a rosicchiare i premietti o sta riposando.
  • Inserire nel Kennel la sua copertina preferita.
  • All’inizio è preferibile usare Kennel rigidi perché quelli di tela possono essere rotti facilmente con denti e unghie.

Allora, sei ancora sicuro che il trasportino sia una prigione dove l’umano cattivo lo infili per non essere scocciato o hai preso in considerazione il fatto che il tuo Jack Russell potrebbe ringraziarti per avergli dato la possibilità di avere un posto tutto suo, dove potersi sentire sicuro e non stare sul chivalà?

Nessun commento ancora

Lascia un commento