In vacanza con il mio Jack Russell

Siamo già in piena estate e chi non ha già programmato le ferie, in questi giorni si ritrova a scegliere la meta delle proprie vacanze. Partire quando si ha un cane spesso diventa un po’ complicato, per diversi motivi, in primis il fatto che non tutte le compagnie aree accettano i nostri amici a 4 zampe a bordo sia perché purtroppo le restrizioni sono ancora molte. Non sono tante le strutture dog friendly in Italia e spesso, se vogliamo pianificare una vacanza a misura di Jack, dobbiamo ripiegare sull’estero, come per esempio la Corsica.

Viaggiare in aereo: le principali compagnie che accettano cani in cabina

Diciamocelo, noi proprietari di Jack siamo fortunati, perché i nostri piccoli hanno più possibilità di viaggiare in aereo (ma anche in treno, come vedrai più avanti). Esistono infatti delle compagnie che con un piccolo extra permettono di far salire in cabina con noi i nostri amici. Chiaramente durante tutto il volo devono stare tranquilli nel loro trasportino che deve avere delle misure precise, che variano da compagnia a compagnia.

Il mio consiglio è quello di scegliere un trasportino morbido, infatti ai controlli chiuderanno un occhio più volentieri, perché andrà facilmente sotto i nostri piedi (per intenderci dove solitamente riponiamo il bagaglio a mano).

Ma vediamo quali sono le compagnie che accettano i cani a bordo e quali sono le misure dei trasportini.

Alitalia

Il costo del biglietto per Alitalia per il nostro Jack varia dalla tratta che dovremo percorrere. Se il volo è nazionale il costo è di 20 euro, se internazionale il costo è variabile (dai 75 euro per volare in Europa e Nord Africa ai 260 per Usa e resto del mondo).

Ecco le condizioni per viaggiare in cabina:

Cani a bordo_alitalia_Misure trasportino

Io ho volato personalmente con Alitalia e mi sono sempre trovata bene. Il mio consiglio è di prenotare per tempo il volo, perché in ogni volo possono salire a bordo solo due cani. Per prenotare il nostro biglietto al momento non è possibile prenotare online ma tramite il call center. In particolare bisognerà telefonare a quello delle assistenze speciali (dalle 7:00 alle 23:00, 7 giorni su 7) numero di telefono 06 65640. 

Volotea

Io e Pixel abbiamo volato anche con Volotea e anche in questo caso ci siamo trovati benissimo. Il costo del biglietto è un po’ più caro, ma considerato che si tratta di una low cost il costo complessivo alla fine è equiparabile a quello di Alitalia.

Cani a bordo_Volotea_Condizioni_Low cost

Bluexpress

Anche la compagnia low cost Bluexpress permette di far salire in cabina i cani. Anche in questo caso il peso complessivo di cane e trasportino non deve superare i 10 kg e su ogni volo sono ammessi massimo due animali. Il costo è di 30 euro a tratta per voli in Italia ed internazionali verso Europa, Turchia e Russia. Per quelli intercontinentali il costo è di 18 euro al kg.

Bluexpress_cani in cabina_misure trasportino

AirFrance

La compagnia di bandiera francese Air France accetta a bordo i cani a patto che non superino gli 8 kg (compresi di trasportino) e abbiano più di 8 settimane e tutti i vaccini obbligatori.

Air France_Cani in cabina_regolamento

 

Viaggiare in treno

Se non amate volare, il treno si rivela spesso un mezzo molto adatto per chi come noi ha un cane di piccola taglia. Infatti sia sulle Frecce che sui treni di Trenitalia se il cane è all’interno del trasportino può viaggiare senza pagare alcun biglietto. E lo stesso vale per Italo.

Viaggiare in nave o aliscafo

Alcune compagnie marittime permettono di trasportare i cani o tenendoli nel canile situato sul ponte – opzione che io sconsiglio vivamente perché i cani sono spesso impauriti ed essendo aperti a tutti la gente può andarli a disturbare o nutrire in maniera non consona – oppure prenotando una cabina adatta ad accogliere il nostro amico a 4 zampe pagando un supplemento, come nel caso della Corsica Ferries. Se il tratto è più breve spesso basta pagare un biglietto per animale domestico (che per esempio per la Ustica Lines è di 6 euro a tratta).

Cosa fare prima della partenza

Accertarsi che dove andremo in vacanza ci siano spiagge dog friendly: attrezzate o meno che siano, dobbiamo essere più che sicuri che i cani siano i benvenuti! Niente partenze alla cieca, se vogliamo evitare multe salate e vacanze rovinate!

Occhio, potrebbero esserci limiti di orari. Io preferisco contattare direttamente lo stabilimento balnerare e in caso di risposta positiva, consiglio di portarvi la mail stampata: verba volant, scripta manent.

Un altro consiglio? Preparate sempre e comunque un piano B per poter rimediare in caso di problemi. Scarica l’ordinanza comunale relativa alle spiagge e ai cani. Ogni comune è a sé e ha le sue regole. 

Cosa mettere in valigia

La ciotola dell’acqua e una borsa frigo per tenere al fresco (non freddo!) la sua acqua. Se andate in spiagge libere, portatevi un ombrellone o una tenda da spiaggia: in questo modo il cane potrà riposare al fresco. Ricordate che il cane soffre molto le alte temperature ed consigliabile non lasciarlo troppo al sole: vi eviterete inutili spaventi e colpi di calore. Se il vostro amico non ama farsi il bagno, bagnategli le zampe, infatti loro regolano la temperatura dai polpastrelli. Non dimenticare di mettere in valigia una scorta di sacchettini per raccogliere i bisogni del vostro amico. Una crema dermoprotettiva per quando lo esponete ai raggi diretti del sole. I jack hanno il pelo chiaro quindi sono più sensibili alle scottature!

Io porto sempre con me un piccolo kit di pronto soccorso che comprende:

  • Sale grosso (per indurre il vomito)
  • Compresse di cortisone (per eventuali reazioni allergiche a punture di insetto)
  • Olio di neem (repellente insetti)
  • Pinzetta le togliere le zecche
  • Disinfettante (tipo Betadine)
  • Vitamina K (per bocconi avvelenati)
  • Garze sterili
  • Pomata antibiotica (Gentamicina et similia)
  • Fermenti lattici (l’acqua di mare e la sabbia potrebbero scombussolare lo stomaco del nostro jack).

Un ultimo consiglio

Se il vostro jack non ha un richiamo infallibile e a meno che la spiaggia non sia deserta, evitate di lasciarlo libero di scorrazzare perché potrebbe farsi del male scavando, mangiare qualcosa che non deve, ma soprattuto infastidire gli altri bagnanti.

Se poi, come me, avete un cane con la fissa per la pallina, preparatevi psicologicamente a giornate un po’ stressanti… perché il suo obiettivo sarà quello di raggiungere tutti i bimbi che giocano a palla… quindi consiglio vivamente di non scegliere un posto vicino a loro e di tenerlo impegnato e concentrato su di voi.

Come vedi, andare in vacanza con il proprio Jack Russell Terrier è possibile, basta informarsi debitamente per pianificare un soggiorno piacevole sia per lui sia per voi!

Buone vacanze!

Nessun commento ancora

Lascia un commento