La storia di Sanny e le sue allergie

di Lella Pinardi

Ciao, mi chiamo Sanny e ho 5 anni e mezzo! Sono una jackina felice ed un po’ tremenda. Faccio un sacco di cose con i miei fratelli, mi piace passeggiare in montagna e mi diverto con “Mami”  a fare agility e discdog!!!

Ma, tralasciando il fatto che sono una vera sportiva, vi voglio parlare di un problema con cui convivo praticamente dai primi mesi di vita: sono un cane FORTEMENTE ALLERGICO!

Vi racconto brevemente la mia storia: quando avevo pochi mesi, ho iniziato a manifestare i primi segni di intolleranza (prurito, rossori sul pancino, vicino alla bocca) e sono andata dal veterinario che ha pensato ad un allergia da contatto. Così il veterinario ha chiesto alla mia mami di iniziare con lavaggi, spugnature, creme, cremine e piano piano il problema sembrava essere rientrato.

Passiamo un inverno piuttosto tranquillo, ma in primavera ecco che di nuovo manifesto segni di allergie (e intanto compio un anno). E quindi di nuovo inizia la trafila dei lavaggi, spugnature, creme e cremine… che noia, che barba, che noia!
Dal momento che mi grattavo tantissimo, mi viene prescritto il cortisone e grazie a questo farmaco il problema sembra risolversi… ehi ehi, ho detto “sembra”, ma non è così.
Infatti la “mami” che ha una testa più dura della mia, non si dà per vinta e mi porta da un veterinario dermatologo che mi prescrive una dieta dissociata (a quei tempi mangiavo crocchette) perché suppone che sia un allergia alimentare.
E così cominciano i tentativi e intanto il cortisone diventa il mio amico fidato ed incomincio a gonfiarmi e lievitare un po’. Mannaggia!

Ad un certo punto, la “mami” visto che il problema delle allergie non trova alcuna soluzione, quasi “impone” al veterinario dermatologo di farmi fare i test. E intanto è già passato un altro anno (un altro anno di cortisone)!
Dai test allergici
 finalmente riusciamo a capire una cosa fondamentale: io sono allergica alla farina di produzione dei mangimi.

Cosa significa? che per me quindi qualsiasi mangime è veleno. Croccantini? Veleno! Biscottino? Veleno!!

E a questo punto che conosco la Dott.ssa Silvia Cattani che con la sua alimentazione casalinga (la paleodog diet) finalmente riesce a stilare una alimentazione corretta per me e le mie allergie, una dieta che mi permetta di risolvere il problema in modo definitivo!

Quando tutto sembra finalmente finito e io mangiavo come una regina, ecco che nel mese di settembre ricominciano a comparire i segni dell’allergie e di nuovo ricominciamo con il cortisone (e siamo ormai al terzo anno)! Poi a dicembre tutto sembra rientrare e tutti pensano che sia l’Ambrosia a crearmi problema e mi dicono di portare pazienza…

Arriviamo così fino alla primavera scorsa, quando “mami” non convinta cambia veterinario dermatologo (il primo era riluttante a pensare che l’alimentazione casalinga potesse aver risolto il problema) che ripropone di fare i test allergici. Altro giro, altra corsa, miei cari amici jack!

Risultato a distanza di due anni dal primo test?
Saltano fuori le seguenti altre allergie: AMBROSIA, ACARI DELLA POLVERE, PULCI, L’ERBA COMUNE, tutte piante che fioriscono a marzo e aprile! Insomma un disastro… stavo già pensando di vivere con il cortisone a vita e,diciamocelo, non è proprio il massimo!

Per fortuna che anche in Italia arriva definitivamente un farmaco prodotto in America (APOQUEL) che non ha le stesse controindicazioni del cortisone, ma che mi aiuta a stare meglio e non grattarmi in continuazione, anche se essendo un farmaco nuovo gli effetti collaterali a lungo temine non si conoscono bene!
Ora con Apoquel io sto bene e spero di continuare così anche se ormai gli effetti del cortisone sono evidenti (ho giusto qualche etto in più)!

Perciò il mio personale consiglio è: non perdete tempo facendo prove inutili con farmaci o mangimi, fate i test allergici!
In questo modo saprete subito cosa dovete curare. E poi spiegate ai vostri bipedi che una sana alimentazione casalinga sicuramente ci aiuta tantissimo, senza contare che “papi” dice che mangio meglio di lui!

Ciao amici, spero che la mia storia vi possa essere d’aiuto!

Una leccatina a tutti voi!

Sanny (Blackvelvet  Pinardi)

 

3 Risposta

  1. Grazie di queste informazioni.
    Il mio Lucky jack russel lo scorso anno ha avuto gli stessi problemi. Anche lui con il caldo gli è uscita un’allergia. …da un piccolo foruncolo nella mascella si è diramata fino al collo. Si grattata così tanto da togliere il pelo! E farsi uscire tanto sangue. Abbiamo fatto le prove allergiche subito. È risultato intollerante al frumento agli acari alimentari e tutte le erbe che ci sono fino all’autunno. Abbiamo risolto con uno spray al cortisone e uno shampoo speciale per allergici. Cambiato le crocchette e dato Hypoallergenic. Ora siamo tornati alle crocchette di patate e anatra e un pò di umido sempre patate e anatra della SELECT GOLD. Lui ora sta benissimo! Potrebbe ripresentarsi? Cosa mi consigli? Mi dispiacerebbe vederlo come lo scorso anno!
    Grazie
    Mary

  2. Ciao Mary,
    per l’allergia alimentare passerei subito alla dieta casalinga e qui potrà esserti d’aiuto la nostra Dott.ssa Silvia Cattani!
    Per le allergie stagionali (erbe) starei a vedere cosa accade il prossimo anno e valuterei eventualmente con il veterinario dermatologo come procedere.

    • Grazie davvero! Ho il terrore che arrivi la primavera e si ripresenti lo stesso problema!

Lascia un commento