Discdog: un gioco per tutti, uno sport per molti

Un frisbee, un bel prato, il tuo Jack Russell e tanta voglia di giocare con lui. Ecco gli ingredienti principali che fanno del discdog un gioco adatto a tutti. E dico proprio a tutti, cani e padroni.
Età (di conduttore e cane), razza, dimensione poco contano se si vuole giocare con il nostro amico a 4 zampe. Bisogna però precisare che non è giusto pensare che il nostro cane da “salotto”, che magari ha passato la stragrande maggioranza delle sue giornate solo come nostro amico da compagnia, di punto in bianco corra dietro ad un “disco” che rotola, solo per farci contenti.
Ecco perché l’avvicinamento al discdog va fatto in modo corretto, che possa aiutare a motivare il nostro cane, è molto importante, sia per interessare un cane inizialmente demotivato sia per imparare accorgimenti che preservino la sua salute e sicurezza.

Il discdog come disciplina cino-sportiva

Il discdog è sì un gioco divertente, ma è anche una disciplina sportiva che sta diffondendosi in Italia da qualche anno.
Nasce in America nel 1974 da Alex Stein, studente universitario con la passione per il frisbee, gioco molto popolare negli Stati Uniti, e per il suo cane Ashley, una whippet dal passo veloce.

Alex scopre per puro caso di poter fondere le sue passioni in un unico gioco. Da lì nascono gare di lanci a distanza e a tempo. Poi lentamente lo sport prende forma e compare il free-style che è la parte più coreografica e più spettacolare di questo gioco.

Discdog_Jack Russell Terrier_Freestyle

Menta e Tiziana, foto di Alessandro Preti

 

Il freestyle è un insieme di lanci e tricks, cioè esercizi che si ispirano anche alla dog dance, ai quali viene associato un lancio di freesbee. E tutto questo montato su una base musicale. Come prima accennato, il discdog sta raccogliendo sempre più consensi e va pian piano affiancandosi ad altre discipline come l’agility dog, anche se ancora non registra gli stessi numeri di quest’ultima né per chi pratica lo sport né tanto meno come numero di gare che si svolgono durante l’anno.

La sicurezza

Come istruttore tengo molto a sottolineare l’importanza di giocare in sicurezza con il proprio cane. Sarà perché ho talmente piacere a giocare con i miei cani e perché sono molto importanti, che ho la speranza di poter giocare con loro il più possibile. Di conseguenza sto sempre molto attenta alla loro salute e cerco di passare questo messaggio anche ai miei allievi.

Jack Russell Terrier_sport_Discdog

Pink di Marco Pianelli, foto di Raffaele Luongo

 

Sul web è possibile trovare filmati di routine di freestyle molto belli e spettacolari e soprattutto affascinanti per chi si avvicina a questo sport. Allettano molto, in modo particolare chi possiede cani molto spinti e fisicamente portati come il Jack Russell Terrier o il Border Collie.
Quello che però si vede nei video è il risultato di molto allenamento sia per il cane che per il conduttore.

Gli esercizi dei salti, in gergo chiamati Vault, sono costruiti nel tempo con tecniche e metodi precisi e che cambiano a seconda delle caratteristiche fisiche del binomio cane/conduttore e che danno modo al cane di prendere confidenza sul modo di atterrare per non farsi male, ma anche al conduttore di come lanciare i dischi per evitare brutte cadute.

Sempre a proposito della sicurezza, è importante valorizzare e assecondare quelle che sono le caratteristiche fisiche e strutturali del nostro cane. Il modo in cui giochiamo con un Jack Russell Terrier non può essere lo stesso che proponiamo ad un Border o ad un Golden Retriever o un molosso.

Jack Russell Terrier e disc-dog

È vero che il disc-dog è un gioco per tutti, ma bisogna adattarsi a quello che è il nostro amico a quattro zampe. Con un Jack Russell Terrier o con un Parson Russell Terrier giocheremo innanzitutto con dischi di dimensioni adatte a lui (i cosiddetti puppy) e preferiremo un gioco molto basso, a terra per rispettare la statura del cane e impedire che nella sua vivacità e frenesia, tipica della sua razza, possa fare salti troppo alti.

Jack Russell_discdog_sport divertente

Pixel di Marilisa Dones, foto di Raffaele Luongo

 

Soprattutto all’inizio, dove il lavoro con il cane va impostato e quindi sia noi che il cane dovremo “prenderci le misure”, bisogna avere un occhio di riguardo e prendere questi piccoli accorgimenti!

Consigli

Per concludere invito davvero tutti a provare a giocare e divertirsi con il disc-dog, ma fatelo in sicurezza e magari aiutati da chi possa darvi consigli e dritte su come iniziare con la zampa giusta per poi arrivare ad un crescendo di acrobazie e spettacolarità, sempre con un occhio di riguardo per il nostro amico a quattro zampe.

Buon divertimento e buon disc-dog a tutti!

Nessun commento ancora

Lascia un commento